"La rigenerazione urbana consente di investire su opere pubbliche per la collettività e testimonia una maggiore vivacità economica rispetto agli anni precedenti."

LE NUOVE TRASFORMAZIONI DELLA PADANA

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Share on print

Il 2021 sarà un anno di trasformazione per quanto riguarda l’asse della padana superiore.

L’obiettivo che ci eravamo posti in campagna elettorale, ormai quasi quattro anni fa, era quello di puntare a ridurre il consumo di suolo indirizzando i privati a investire su terreni già destinati all’edilizia e che nel corso degli anni sono stati abbandonati. La rigenerazione urbana di quelle aree consente di investire su opere pubbliche per la collettività e testimonia una maggiore vivacità economica rispetto agli anni precedenti.

Sull’asse della padana i principali interventi privati che vedranno l’avvio o la realizzazione, a seconda dei casi, nel corso del 2021 prevederanno opere a scomputo oneri che seguiranno un piano preciso di riqualificazione dell’intera strada.

Questo piano denominato Lineamenti pre-progettuali delle trasformazioni urbane. Riqualificazione strada padana, approvato nel 2019, ridisegna la strada padana superiore adattandola alla sua classificazione di strada comunale. L’obiettivo principale delle linee pre-progettuali è dunque quello di mettere maggiormente in sicurezza la strada riducendo le velocità e il traffico pesante, investendo sulla mobilità sostenibile attraverso la realizzazione di ciclabili e consentendo attraversamenti più sicuri per i pedoni.

Le tre aree soggette agli investimenti dei privati sono l’ex “Idalium” (o palazzo blu) che si trova a sud della Padana di fianco alle case “Mediolanum”, l’ex “Trafili”, dalla parte opposta della Padana, e l’ex “Depadova” sempre a sud della Padana nell’area industriale.

Gli interventi di interesse pubblico che saranno effettuati seguendo la pianificazione delle linee pre-progettuali sono i seguenti:

  • Sviluppo di una rete di piste ciclopedonali che non solo consentirà lo spostamento est-ovest ma che connetterà il quartiere Martesana con le scuole di Via Fiume grazie alla costruzione di un ponte di attraversamento ciclopedonale sopra la metropolitana.
  • Sistemazione dell’asse della strada Padana attraverso restringimenti, spartitraffico, aree verdi e rotonde per consentire una riduzione delle velocità medie e una maggiore sicurezza per chi usufruisce della mobilità dolce
  • Attraversamenti pedonali illuminati
  • Uno svincolo (a scomputo oneri di Unes Supermercati) che consentirà di indirizzare il traffico pesante fuori da Vimodrone verso la Cassanese e soprattutto intervenendo sulla situazione di S. Isidoro
  • Risoluzione del problema del traffico pesante di Ca’ Azzurra attraverso la sistemazione della strada con un senso unico

La scelta di costruire un Piano unico su cui far confluire le risorse derivanti dagli investimenti dei diversi privati conferma la capacità dell’amministrazione comunale di poter programmare e pianificare le trasformazioni urbanistiche sul territorio, governandole e non subendole.

 Scarica qui i lineamenti pre-progettuali della strada Padana

 

Andrea Citterio

Andrea Citterio

Assessore all'ambiente e all'urbanistica di Vimodrone

Ultimi Articoli

FRONTEGGIAMO L’EMERGENZA CLIMATICA E AMBIENTALE

MOZIONE CONTRO L’EMERGENZA CLIMATICA E AMBIENTALE APPROVATA DAL CONSIGLIO COMUNALE PROTOCOLLO D’INTESA FORESTAMI PROGETTO FORESTAMI VIMODRONE DOCUMENTO DI INDIRIZZO POLITICO PGT

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle nostre attività